CIAO A TUTI ! (post senza duplicazione di grafemi e senza pretese)

Devo ispezionare la madia dei ricordi per sceglierne uno da conservare. Opto per lo scomparto “Infanzia”; lo apro e la musica m’investe: a casa nostra non mancava mai.

La muti con la sua radio . . .

 . . . e il papà coi suoi dischi di Swing e Calypso, Sinfonica e Bebop (quando non era lui medesimo a suonare per noi).

La domenica si pranzava con uno dei genitori, lo paterno, e con lui si andava giù pesante di Lirica; per gli altri avi, invece, ad ogni riunione familiare ci si tramutava in un Coro Alpino;

 E se ripenso a certe feste danzanti con le zie. . .

Durante il mese mariano, poi, ci capitava di rimanere comodi a tavola dopo cena e intonare le Laudi a Maria, con le finestre spalancate e i cuori al vento (sorprendendo i vicini, dato che non praticavamo un granché).

Ma eravamo già grandine, la mini sòra ed io, quando registravamo su nastro brani a due voci per poi cantarci sopra con la terza e la quarta (cose tipo CSN&Y)

Volendo andare un po’ avanti nel tempo, voilà i concerti estemporanei del papà insieme a certi strani tipi che transitavano per casa con bonghi e zaini (l’unica ragione per cui non venivano da lui respinti).

 E poi, ancora, il fratel minore col suo primo IBANEZ . . .

Il meglio, però, lo davamo in auto (sempre guidata da una Superzia); anche lì; in parte perché eravamo dei drogati musicomani, in parte per rimediare al mio mal d’auto perniciosus.

Uno dei nostri hit popolari, dato che ben si prestava a variazioni canore, era TUTI VA IN FRANCIA. La cosa comica è che solo ultimamente ho capito che “Tuti” non era la graziosa signorina che se la svignava in direzione di Parigi con le sue scarpine bianche, bensì “la moltitudine”, proferito in Friulano, che emigrava in cerca di lavoro.

L’ho scoperto grazie a Youtube, figurarsi.

Anzi, PER COLPA di Youtube !

E a voi non sono mai capitati simili fraintendimenti?